– Quando è nata CMS Team e chi l’ha “fondata”?
Ci risponde Vincenzo Orlo, operatore di montaggio che per CMS Team ricopre una doppia carica:oltre a giocare come difensore laterale, Vincenzo rappresenta anche il “social media manager” della squadra, curandone la pagina ufficiale sui social networks e la rassegna stampa.
“CMS Team è nata dall’idea di un gruppo di colleghi che si ritrovavano al martedì e al giovedì sera per fare una partita di calcetto amichevole. Poi circa quattro anni fa si è deciso di provare a iscrivere la squadra al Campionato del Centro Sportivo Italiano di Modena. Il primo anno avevamo uno sponsor e un nome diverso, poi l’anno successivo è stata attivata la sponsorizzazione da parte della nostra azienda, C.M.S. Spa, e quindi, poiché eravamo quasi tutti colleghi, abbiamo deciso di chiamarci CMS Team.”
– Quali sono i componenti di CMS Team?
Prosegue Vincenzo:
“Siamo in totale tredici, di cui cinque componenti che non sono dipendenti dell’azienda. In zona offensiva troviamo Massimo Catalano, che gioca nel ruolo di attaccante. La scuderia di difensori è composta da Andrea Barbieri e Alessandro Sole, che giocano in posizione centrale, supportati lateralmente da me, Sebastiano Leone e Luca Rinaldi. La squadra viene poi completata dal portiere Riccardo Leonelli e dell’allenatore Matteo Bonetti. Ultimo, ma non certamente per importanza… Simone: la nostra mascotte! Simone Catalano è il figlio di Massimo e, proprio come il papà, è appassionatissimo al calcio e non manca mai alle nostre partite. Da bordo campo, il nostro piccolo tifoso ci supporta sempre con grande carica ed entusiasmo e sul suo taccuino si appunta scrupolosamente tutti i dati tecnici della partita in corso: numero di goal e rigori, fuorigioco e falli, ammonizioni ed espulsioni. Grazie al suo aiuto la cronaca sportiva della squadra è sempre puntuale e precisa!”
– Qual è stata la partita più avvincente?
“Quella che non abbiamo ancora giocato!” Così risponde ironicamente Luca Rinaldi, il nostro giovane team Leader in area tornitura, marcatura laser e taglio barre, che sul campo di calcetto gioca con il ruolo di difensore laterale.
– Chi è il miglior goleador di CMS Team?
“Per distacco vinco io!” Afferma Massimo Catalano, il nostro Direttore Operations che, per scendere in campo, veste i panni di attaccante abbandonando il completo in giacca che solitamente lo contraddistingue in orario di lavoro. “La mia sigla è MC9, e suona benissimo!”
– Qual è il motto della vostra squadra?
“Vincere!”
Così ci risponde inequivocabilmente Andrea Barbieri. Il nostro assemblatore si trasforma infatti in un brillante giocatore in campo ed è spesso autore di numerosi goal. Non ammette indecisioni né esitazioni : la vittoria è l’obiettivo più importante della squadra!
“Noi stiamo al passo con i tempi e, oltre al motto, vantiamo anche un nostro hashtag ufficiale” precisa Vincenzo. “#GoCMSTeam non manca mai nei nostri post sui social networks!”.
– Ricordate qualche aneddoto relativo al vostro debutto calcistico?
Ci risponde Alessandro Sole, il nostro referente in azienda per Sicurezza & Ambiente che in CMS Team gioca con il ruolo di difensore centrale: “per affogare il dispiacere di una sconfitta subita, ripiegammo su una cena al ristorante con tutta la squadra. Non dilunghiamoci a spiegare nei dettagli come si concluse la serata… vi basti sapere che solo la metà dei presenti ne uscì indenne!!!”
– Quanto credete che il gioco di squadra possa migliorare la collaborazione sul lavoro?
Prosegue Alessandro: “Molto. Il gioco in campo contribuisce sicuramente ad un sostanziale miglioramento anche nelle relazioni interpersonali sul lavoro. Sentirsi parte di una squadra in cui tutti si supportano reciprocamente, come avviene nel calcio, è un modo per consolidare il senso di appartenenza al team di lavoro. Il calcio rafforza molto l‘identità e lo spirito di gruppo e quindi è sicuramente molto stimolante e utile per sviluppare capacità collaborative anche nell’ambiente lavorativo. Inoltre, affrontare in modo completo, coordinato e integrato gli avversari e i propri limiti ci insegna anche a cogliere con la stessa energia tutte le sfide che il mondo del lavoro quotidianamente ci impone”.

Autore